Il modo migliore per gustare i piatti tradizionali del Giappone? Mangiarli come un vero giapponese!

Sapere utilizzare le bacchette, dette “hashi”, nel modo corretto è utile non solo a fare bella figura al ristorante con i propri amici, ma anche (e soprattutto) perché così il cibo avrà tutto un altro sapore.

C’è un motivo infatti se i giapponesi le usano come posate per mangiare, anzi due. Il primo riguarda la forma dello strumento: lunghe e affusolate, le bacchette servono ad allontanare il boccone dal calore del brodo o dei condimenti per poterlo mangiare senza scottarsi; il secondo, invece, è legato al tradizionale impiattamento: le portate vengono servite in piccole porzioni già divise e quindi a tavola non è richiesto l’utilizzo del coltello.

Ma come mangiare correttamente con le bacchette? Vediamolo insieme.

Come si tengono le bacchette giapponesi

Prima di imparare a mangiare i piatti tradizionali giapponesi come farebbe un vero giapponese, occorre fare un passo indietro e partire dalle basi: come si impugnano le bacchette? Per riuscire a tenerle e muoverle nel modo corretto basta seguire 3 semplici passaggi:

  1. Posiziona la prima bacchetta nell’incavo tra il pollice e l’indice e lascia che l’estremità si appoggi sul dito anulare.
  2. Poggia la seconda bacchetta sull’indice e tienila ferma con il pollice: in questo modo la prima bacchetta verrà mantenuta ferma dal pollice, mentre la seconda avrà la possibilità di muoversi.
  3. Apri e chiudi le bacchette, facendo attenzione che le punte non si incrocino troppo spesso, ed esercitati con la presa: più salda è, meglio è!

Allenati e fai un po’ di pratica: i piatti del menu di Sagami ti aspettano!

Come mangiare i noodles giapponesi con le bacchette

Che si tratti di udon, soba o kishimen, quando si parla di noodles giapponesi (link) sono due le regole assolutamente da seguire: mangiarli appena serviti e utilizzare le bacchette per farlo.

Per gustare al meglio i noodles in brodo, infatti, è importante mangiarli in pochi minuti per evitare che il calore della zuppa li faccia scuocere. Ma non lasciare che quella ciotola fumante ti intimorisca: il segreto per non bruciarsi sta proprio nelle bacchette. Posizionale bene tra le dita e tienile parallele tra loro, acchiappa una piccola porzione di noodles più saldamente che puoi, senza arrotolarli, e portali verso la bocca, avvicinando anche la ciotola al mento per aiutarti. E se vuoi mangiarli come un vero giapponese, ricordati dello “slurp”: in Giappone aspirare rumorosamente gli spaghetti non solo è segno di educazione e apprezzamento del piatto, ma è utile anche a raffreddarli dal brodo bollente e a rivelare i sapori di tutti gli ingredienti che compongono la zuppa.

bacchette giapponesi

Come mangiare il riso con le bacchette giapponesi

Un altro piatto che potrebbe creare qualche difficoltà con le bacchette sono quelli a base di riso, come i donburi. Ma non ti preoccupare: con i nostri consigli non scapperà più dalle tue bacchette neanche un chicco!

Per riuscire a mangiare il riso bisogna fare attenzione a due cose: prendere una piccola porzione e stringere leggermente allo stesso tempo e mantenere il più possibile orizzontale la posizione delle bacchette. La combinazione di questi due movimenti, infatti, ti permetterà di far arrivare il boccone dalla ciotola alla tua bocca senza lasciar cadere niente dalla presa.

Per aiutarti ulteriormente, puoi anche avvicinare la ciotola al mento, in modo da accorciare ulteriormente la strada e raccogliere qualche eventuale caduta di riso.

Come mangiare con le bacchette: i consigli in più di Sagami

Una volta imparato a mangiare il riso e i noodles con le bacchette, la tempura, il tonkatsu e tutti gli altri piatti saranno un gioco da ragazzi. Ma se vuoi davvero essere impeccabile al ristorante giapponese, ecco qualche consiglio in più:

    • Se sei alle prime armi con le bacchette, tienile a metà della loro lunghezza per maneggiarle meglio. Mano a mano che farai pratica potrai spostare la presa verso le estremità superiori e migliorare la tua manualità.
    • Assicurati che le punte delle bacchette siano ben allineate per avere una presa salda sul cibo.
    • Tra una portata e l’altra, quando non le stai utilizzando, ricordati di poggiare sempre le bacchette sull’apposito sostegno, detto “hashioki”.

Con questi suggerimenti mangiare con le bacchette non sarà più un problema e potrai gustare al meglio i piatti della tradizione giapponese: a differenza di forchette, coltelli e cucchiai, infatti, le bacchette permettono di “sentire” la consistenza di ogni boccone, aggiungendo un’esperienza tattile del cibo, che si aggiunge a quella visiva e gustativa in perfetto accordo ad una tipologia di cucina che vuole coinvolgere tutti i sensi.

Non vedi l’ora di assaggiare i piatti tradizionali giapponesi di Sagami? Trova il ristorante più vicino a te e prenota subito un tavolo!